Natura dell’energia planetaria – parte II


Natura dell’energia planetaria – parte II.

Nell’articolo precedente abbiamo definito l’energia planetaria descrivendo come opera nelle persone attraverso l’induttanza sottile. Ora vediamo un altro attributo dell’energia planetaria, il suo appartenere alla famiglia di energia conosciute come energia oro.

2. Energia Oro.

Questo è un argomento molto vasto, cercherò di chiarirne le basi essenziali.

In natura esistono moltissimi tipi di energia sottile. Forse siamo abituati a pensare che esista un solo tipo di energia sottile, ad esempio che esista solo il prana (antico termine vedico) ma non è così. Nella tradizione cinese ad esempio il Ki (energia sottile) viene indicato con tantissimi termini diversi che definiscono ognuno una forma di energia differente (Ai-Ki; Rei-Ki; Yu-Ki; Tou-ki; ecc..) dotata di attributi ed effetti diversi.

L’energia oro è quindi una famiglia di energie che comprende una gamma di frequenze diverse, ma tutte accomunate dallo stesso attributo: creare risonanza, creare armonia, favorire la crescita e lo sviluppo (fisico e mentale), far si che due enti entrino in comunicazione reciproca nonostante le diversità.

Perché oro?

Il nome deriva dall’aspetto che l’energia oro ha alla vista chiaroveggente, alcune persone particolarmente dotate la distinguono proprio per il suo colore dorato.

Ma anche perché in natura l’energia oro è generata da tutto ciò che ha una proporzione geometrica aurea. Dove per aureo si intendono quei rapporti matematici dotati di particolari proprietà, come la sequenza di Fibonacci o il pi greco.

Approfondimenti. Un ricercatore moderno che ha approfondito queste tematiche è Roberto Zamperini, i suoi libri in special modo “I Sette Raggi e le leggi occulte dell’energia sottile”, “Anatomia sottile” e seguenti esplorano in modo completo i misteri di questa forma di energia. Anche il suo blog (https://zaro41.wordpress.com) è ricco di informazioni al riguardo.

L’energia planetaria è una forma molto pura di energia oro, e come tale è priva di alcune delle controindicazioni che Roberto Zamperini attribuisce all’energia oro. Tutte le applicazioni che abbiamo sperimentato mostrano come l’oro planetario sia capace di portare una profonda bonifica sottile e di riprogrammare (o meglio ricalibrare) il corpo sottile la dove essa viene attivata. Il segreto ricordo non è il trasmettere energia! Ma rimettere in asse la capacità del corpo sottile di sintonizzarsi e quindi generare da se l’energia necessaria.

Questi però sono gli effetti generici dell’energia planetaria, poi ogni pianeta ha degli effetti diversi, l’energia oro di Marte è diversa da quella di Giove che è diversa da quella di Venere. E nella Tecnica di Ricalibrazione Planetaria si impara a generare insieme gli effetti di tutti i pianeti formando così un tipo di energia oro planetaria ancora diversa con qualità differenti.


Informazioni su Manlio Di Donato

Manlio è un Operatore Olistico di livello trainer e Insegnante nelle Discipline Olistiche (libera professione ai sensi della Legge 14.1.2013 n. 4) specializzato in Thetahealing ®, Tecnica Energo Vibrazionale ®, e Mindfulness. Fondatore del metodo di Ricalibrazione Planetaria ®.