Attivazione del Toroide


Animazione 3D di un toroide con doppio movimento interno

In altri articoli ho accennato a concetti che stavolta voglio esporre meglio, ma prima passiamo attraverso la pratica e prendiamo contatto con questo Campo Informativo Eterico Olofrattale F-Aurea che attiva il toroide nell’essere umano.

Alcuni dicono che l’essere umano generi un campo di energia chiamato anche aura, intorno a se. Noi, invece sosteniamo che l’essere umano, come ogni altro essere, sia un campo egli stesso. Non genera un campo, ma è un campo che si manifesta nell’ambiente anche attraverso un emanazione multidimensionale, la quale è modulata, cioè esprime e manifesta la vita intima e interiore di ogni facoltà (emozione, intelletto, ispirazione, ecc..).

Quando questo campo è portato in consonanza, in equilibrio e può esprimersi a pieno che forma ha? A volte viene descritto come una sfera, o come un uovo, altre volte come una fiamma. Ecco che, invece per noi la forma ideale che assume il campo eterico umano nella sua piena consonanza è quella di un toroide.

Il Campo Informativo Eterico Olofrattale F-Aurea ancorato al video, va ad attivare un opera eterica simile a quelle viste in precedenza per i Chakra e per i Meridiani, ma più semplice ancora. In quanto si limita a stimolare la consonanza, la dissolvenza delle dissonanze e la ristrutturazione non dei Chakra o dei Meridiani, ma del complessivo Campo Eterico umano, nella sua forma archetipica: il campo toroidale.

Come sempre possiamo sperimentare questo video portandoci in ascolto, in stato meditativo. Leggi anche le Domande relative ai Campi F-Aurea.

Che sensazioni ci ha lasciato questo campo?

La sua struttura è molto semplice in quanto replica il campo per i Chakra e quello per i Meridiani. Come in quei due campi sono portati in consonanza anche i campi olofrattali degli Assi Celeste e Tellurico, così come della Porta di Giano.

La forma del toroide ricorre in natura in modo incessante. Il campo magnetico terrestre, la via lattea, la sezione di una mela così come di un arancia, ma anche un globulo rosso, hanno una struttura a toroide.

Qualunque campo eterico in natura tende in realtà se posto in condizioni di piena consonanza ad assumere la forma di un toroide. Sia esso un Chakra o un Meridiano o altro.

Domanda: Fermo li, i Chakra sono fatti a disco o a ruota! Lo dice la tradizione!

Risposta: Forse le tradizioni andrebbero osservate con occhi allenati. Molte informazioni sono state tramandate da persone prive di capacità percettive. A volte sono poi state riportate senza la conoscenza del contesto originario in cui erano nate, prendendo quindi alla lettera affermazioni che erano invece delle metafore e dei suggerimenti. La mente per interpretare il percepito, per dare forma ai segnali sensoriali, usa il bagaglio di informazioni acquisito tramite l’educazione. Per cui la maggior parte di noi quando percepisce una qualche forma di materia eterica gli attribuisce una forma, un colore, un significato differente, vedendo o negando inconsapevolmente molte delle sue sfumature. Ecco che un chakra può essere percepito come un disco piatto, come un fiore, come una sfera, come un vortice che nasce da un nucleo, o… come un toroide. Dipende dai filtri inconsci, da quanto questi siano stati educati a dischiuderci nuovi e più ampi orizzonti o se siano stati educati a chiuderci.

Ecco come per noi del Gruppo F-Aurea e nella Ricalibrazione Planetaria ogni campo eterico, chakra, meridiano, energia del cuore, foglia di una pianta, o qualunque altra cosa ancora tende in condizioni di consonanza ad assumere una forma a toroide.

Domanda: Cosa centra la foglia di una pianta?

Risposta: Ogni cosa manifesta un suo campo eterico. Ogni struttura, ogni funzione, ogni idea, manifesta un campo eterico.

Il toroide come forma ci da molti spunti di comprensione.

Osservate il vortice che si forma nella parte alta così come nella parte bassa del toroide. Quel vortice è l’asse centrale la cui metà superiore è l’Asse Celeste del Campo e la metà inferiore è l’Asse Tellurico del Campo.

L’Asse Celeste è quindi un campo eterico a sua volta. È il grande imbuto “evolutivo” che si spalanca e cresce per Divenire ciò che siamo nati per Essere, ovvero quando vogliamo crescere superando la condizione in cui ci troviamo, quando proiettiamo idee e pensieri circa il futuro. Sia in consonanza che in dissonanza. Ad esempio una persona terrorizzata chiuderà istintivamente il suo Asse Celeste proiettandovi energia di paura dissonante.

Domanda: Aspetta ma si può chiudere? E se si chiude che succede? Muoio?

Risposta: Semplicemente opera meno, anche all’1% del suo reale potenziale. È come un muscolo che rimane contratto e rigido in posizione di difesa. La metafora col muscolo è molto vicina al reale. Non muori di certo solo perché tieni un muscolo sempre contratto, o sbaglio!? Quindi perché dovresti morire anche con tutti i campi eterici (chakra, meridiani o altro) chiusi? Semplicemente più che in una condizione di benessere, di pienezza, ti troverai in una condizione di sopravvivenza, di fatica costante. L’avere i campi chiusi non nasce dall’aver ricevuto “macumbe e fatture”, ma dal come vivi il rapporto con l’ambiente (casa, famiglia, cibo, relazioni personali, letture, internet, telegiornali, ecc..) e con te stesso, dentro te stesso.

Anche l’Asse Tellurico è un campo eterico. È il grande imbuto che assorbe la forza vitale da Madre Terra e che ci sostiene nell’Essere ciò che siamo e nel mantenere i risultati acquisiti. Sia in consonanza che in dissonanza. Ad esempio vi si trovano molte delle memorie che fanno “massa gravitazionale” come il dolore del passato.

Ecco che una bella sessione di dissolvenza delle dissonanze, consonanza e ristrutturazione degli Asse Celeste e Tellurico va a beneficio della capacità di superare i limiti del momento presente, qualunque sia poi lo strumento per conoscere noi stessi ed esprimerci nel mondo che vogliamo usare.

Come è intuibile dalla figura del toroide gli assi nascono e si incrociano in un punto al centro del corpo umano. Quel punto si trova anatomicamente, esattamente sovrapposto alla bocca dello stomaco. Lo abbiamo chiamato Porta di Giano, in quanto apre, cioè attiva le capacità umane nella misura in cui siamo pronti a farlo. È anche la centralina di gestione degli Assi così come di tutto il campo toroidale. Dentro la Porta di Giano, come un piccolo seme a forma di toroide, troviamo anche la memoria delle altre esistenze che come Anima abbiamo vissuto.

Gli Assi e la Porta di Giano erano compresi nel riequilibrio stimolato dai campi per i Chakra e per i Meridiani.

Nei prossimi articoli continuo con le spiegazioni e gli esperimenti, condividendo anche dei campi molto più semplici di quelli visti sinora, che serviranno per comprendere alcuni concetti basilari, prima di procedere con campi più complessi al pari del Portale del Risveglio.


Informazioni su Manlio Di Donato

Manlio è un Operatore Olistico di livello trainer e Insegnante nelle Discipline Olistiche (libera professione ai sensi della Legge 14.1.2013 n. 4) specializzato in Thetahealing ®, Tecnica Energo Vibrazionale ®, e Mindfulness. Fondatore del metodo di Ricalibrazione Planetaria ®.