Considerazioni sull’intento dell’incarnazione (7)


Segue da Considerazioni sull’intento dell’incarnazione (6).

Concludo questa serie di articoli con una considerazione un pò folle.

Abbiamo visto che i pacchetti di informazioni e di potenziali dell’Intento dell’Incarnazione che porto con me in questa vita, nascono in altre vite.

Quindi se in questa vita ad esempio penso solo a come fregare il prossimo e grazie alla furbizia riesco ad avere un discreto successo, esattamente cosa porto con me nella prossima vita?

NULLA DI NULLA!

Si, nessun dramma, nessuna punizione, perchè siamo solo noi ad auto punirci di vita in vita, oppure accettiamo le punizioni imposte da altri perchè lo riteniamo necessario (è una mia considerazione, la maggior parte di voi sarà in disaccordo, potete cambiare canale). Ma restiamo li fermi senza aver compiuto alcuno scatto – restiamo ignoranti, piccoli e confusi, preda di paure e senza aver sviluppato alcuna virtù che ci possa sostenere per procedere con più facilità e profondità nelle successive vite.

Si perchè se in questa vita per via di memorie genetiche ho avuto qualcosa anche attraverso la capacità di manipolare il prossimo negandogli la verità e facendogli credere quello che voglio per mero guadagno.. ma cosa esattamente ho elaborato dentro di me? Quali valori, quali virtù ho conquistato?

Si perchè quello che portiamo con noi nelle altre vite e che possiamo leggere nel pacchetto informativo dell’Intento dell’Incarnazione sono sopratutto (ma non solo) virtù, e capacità che abbiamo conquistato in questa vita.

Ma se appunto manipolo e raggiro il prossimo? Se in questa esistenza ho ottenuto qualcosa con tali mezzi ecco non è detto che sarà altrettanto nelle altre.

Aggiungo poi un altra folle idea. Quando pensiamo ad “altre vite” siamo abituati a pensare al passato.. e se invece il tempo fosse non lineare..? E se il Sentire di Coscienza fosse incarnato contemporaneamente in più esistenze, passate, presenti, future, e su altri mondi?

Se così fosse le conquiste interiori che compio qui ed ora tornano solo a beneficio mio, oppure anche se indirettamente ne beneficiano milioni di esistenze? I milioni di potenziali se. E se indirettamente ne beneficiano anche quelle esistenze slegate da me, ad esempio attraverso la risonanza con l’inconscio collettivo? E se le conquiste vitali per la sopravvivenza si trasmettessero via inconscia a tutti quanti, e quindi anche gli scatti di coscienza individuali permettessero di alleggerire almeno un pò il fardello comune?

Ecco che per me questi sono dei buoni motivi per continuare sempre a darmi da fare, vivendo il gioco di questa vita, e continuando a spalancare porte interiori.

Pace. Manlio Di Donato.


Informazioni su Manlio Di Donato

Manlio è un Operatore Olistico di livello trainer e Insegnante nelle Discipline Olistiche (libera professione ai sensi della Legge 14.1.2013 n. 4) specializzato in Thetahealing ®, Tecnica Energo Vibrazionale ®, e Mindfulness. Fondatore del metodo di Ricalibrazione Planetaria ®.