Che cos’è lo zodiaco?


Partiamo dal dire che l’astrologia non centra, come ben saprà chi mi conosce nella Ricalibrazione Planetaria si parla di energia sottile e non di astrologia. Le due cose sono vicine di casa ma non coinquiline.

Che cos’è quindi lo Zodiaco dal punto di vista della Ricalibrazione Planetaria? In astrologia lo Zodiaco è l’insieme delle 12 costellazioni. Ogni costellazione si dice corrispondere ad un archetipo caratteriale. Ma questa è l’interpretazione psicologica, ha valore? Perché no, ma solo per la cultura che utilizza quel tipo di linguaggio, ad esempio lo Zodiaco Cinese è molto diverso da quello occidentale, ha lo stesso valore ma funziona meglio per un Cinese perché il suo corpo energetico sottile è sintonizzato su quelle forme. Allo stesso modo lo Zodiaco Indiano è diverso ed è più adatto al particolare imprint energetico di un Indiano. Noi poi non ci interessiamo di psicologia.

By Marcelo Teson – This image was originally posted to Flickr as Zodiac Clock, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=1211770

Obiezione: Siamo tutti uguali, posso usare l’oroscopo Cinese e avere lo stesso informazioni utili per la mia vita!

Risposta: Si, è vero che abbiamo tutti la stessa struttura del corpo sottile, i chakra funzionano allo stesso modo per ogni persona sulla faccia del pianeta, e che gli strumenti di conoscenza interiore di ogni cultura ci possono tornare utili. Ma le forme archetipe inconsce a cui attingiamo sono diverse. È una sfumatura di cui ci arricchiamo, ed è un valore, quello della diversità. Ogni popolo ha una sua identità spirituale, solo che noi occidentali l’abbiamo dimenticato, e spesso crediamo di poter fare nostra quella degli altri popoli, allo stesso modo in cui per 15 secoli abbiamo preteso di imporre il modello culturale occidentale a tutti gli altri popoli. Ragionare per un occidentale con l’oroscopo Cinese può funzionare, certo che si, ma funziona leggermente meglio per un Cinese.

Questi però sono discorsi che riguardano l’inconscio collettivo e gli archetipi come espressione della società in cui siamo nati, è necessario andare oltre questi aspetti superficiali e tornare alla vera origine di che cos’è l’energia dello Zodiaco in termini sottili. Perché questa si che è uguale per tutti i popoli, è un essenza energetica che è velata da tante interfacce chiamate appunto Zodiaco Cinese, Occidentale, Indiano, Tibetano, ecc…

Il concetto di Zodiaco che è alla base della maggior parte delle culture è legato al concetto di tempo. Lo Zodiaco esprime il cambiamento che avviene nell’astrologia occidentale durante i 12 mesi dell’anno, ed è espresso dal Sole che attraversando le 12 costellazioni scandisce lo scorrere del tempo, l’avvicendarsi delle stagioni e quindi i ritmi di vita e di lavoro. Lo Zodiaco è quindi la rappresentazione del divenire, del fluire continuo degli eventi, del tempo che come un circolo inizia in Gennaio, fa un percorso di 12 mesi, e termina a Dicembre per poi rinascere nel nuovo inizio del Gennaio successivo. Ogni ciclo di 12 mesi è simile a quello che l’ha preceduto ma arricchito di tutte le esperienze vissute che l’hanno trasformato. Nel nuovo inizio dell’anno a Gennaio non avviene solo una ripetizione ma una vera rinascita in cui si ha un anno completamente nuovo e dotato di caratteristiche energetiche diverse da quello precedente. È diverso perché la percezione delle cose è cambiata.

I 12 Segni

tratto da “principi di astrologia medica” di Adriana Rampino Cavadini. ed Hoepli.

Mettiamo per un attimo da parte questi discorsi e sapendo che lo Zodiaco racchiude un potenziale ben più alto osserviamo invece un aspetto più terreno e chiediamoci se i 12 segni zodiacali usati nell’astrologia occidentale hanno una funzione energetica sottile. La risposta è si. Ma più che avere una funzione di per se essi sono espressione di una funzione più grande chiamata Zodiaco, e dell’energia planetaria che li va ad attivare. Per tema natale in astrologia si intende l’interpretazione della posizione dei pianeti all’interno dei segni. Sappiamo che ogni pianeta è una funzione energetica sottile precisa. Il segno zodiacale in cui si trova il pianeta è quindi la funzione sottile che dice all’energia del pianeta come e dove esprimersi.

C’è tutta una branca dell’astrologia che studia il tema natale per individuare le malattie potenziali di cui può soffrire la persona, e secondo l’astrologia tradizionale ogni segno è legato ad aree del corpo e organi ben precisi, pertanto l’indebolimento nell’energia di un pianeta in un segno può corrispondere ad una possibile malattia nell’area governata dalla combinazione di pianeta e segno. È un concetto interessante, che per chi vuole approfondire l’autrice Adriana Rampino Cavani, esplora in chiave più moderna nel libro “Principi di Astrologia Medica”, Editrice Hoepli.

A noi questo concetto interessa perché possiamo effettivamente guardare ai segni zodiacali nel tema natale come a delle chiavi di lettura che esprimono in ambiti precisi l’energia sottile del pianeta che vi transita.

Ad esempio possiamo chiederci di una persona qual’è la qualità della sua energia sottile Sole come memorizzata al momento nella nascita ed espressa dal segno in cui si trovava in quel momento. Per qualità poi possiamo osservare con la percezione manuale delle energie sottili (no niente calcoli astrologici) ad esempio: la qualità come potenza dell’energia Sole; la sua ampiezza; la presenza di energia disfunzionale o di ristagno; la presenza di ganci energetici; la presenza di altri fattori di disturbo nel campo energetico.

Sapendo questo possiamo anche procedere a liberare dai fattori limitanti (se ve ne troviamo) l’energia Sole come potenziale memorizzato al momento della nascita. Cosa che di per se quando abbiamo capito le basi della Ricalibrazione Planetaria è parecchio facile.

Per concludere se i pianeti sono funzioni che dicono all’energia sottile cosa fare. Lo zodiaco è una funzione più complessa che focalizza le funzioni planetarie su target ben precisi. Questa è la base per capire come poi lavorare riprogrammando i potenziali delle energie planetarie memorizzate alla nascita e non solo, le possibilità sono molto più ampie. Se ne parla nell’ambito dei corsi della Ricalibrazione Planetaria 😉

Pace.

Manlio Di Donato. Fondatore del metodo Ricalibrazione Planetaria.


Informazioni su Manlio Di Donato

Manlio è un Operatore Olistico di livello trainer e Insegnante nelle Discipline Olistiche (libera professione ai sensi della Legge 14.1.2013 n. 4) specializzato in Thetahealing ®, Tecnica Energo Vibrazionale ®, e Mindfulness. Fondatore del metodo di Ricalibrazione Planetaria ®.