(Omnia Depur F-Aurea)

Due fantasie su covid, terapie genetiche sperimentali e qualche riflessione sul divenire dell’essere umano


Questa volta parliamo di covid, di terapie genetiche sperimentali, di sensitivi, e di punti di vista. Finora ho preferito condividere queste riflessioni con pochi, per evitare di alimentare ulteriormente il gran caos che si è creato, e limitandomi a pubblicare video e articoli in cui parlo della paura, di come poterla accogliere in ambito di meditazione e di come la paura può essere usata per manipolare le scelte e la percezione del mondo. Tuttavia premetto che quanto segue non va preso sul serio, consideratele solo fantasie ok!? E che non tratto ne insegno alcuna forma di medicina, doppio ok?

Partiamo dai virus, e chiediamoci cos’è un virus? Avete mai sperimentato con la percezione eterica manuale, come insegno in Ricalibrazione Planetaria ad osservare la multidimensionalità di un virus qualunque? Scoprirete una cosa interessante, ovvero che il 98% del virus esiste a partire dalla seconda dimensione e va poco oltre di essa.

In Ricalibrazione definiamo la seconda dimensione come una frazione del campo eterico dove il vissuto ristagna in attesa di venire elaborato. Corrisponde grossomodo alla definizione classica che alcuni danno di piano astrale inferiore (teosofia, antroposofia, e altre varie discipline), meglio noto come il raccoglitore della cacca mentale umana. Giusto per capirci nella seconda dimensione vive ciò che aspetta di venire elaborato dalla coscienza. Quindi paure, rabbia, rancori, invidie, delusioni, cicatrici d’anima, sassi nello stomaco, ecc..

Quindi un virus potrebbe essere una forma pensiero? Una creazione della coscienza collettiva? E solo dopo, solo quando la forma pensiero entra in risonanza con l’emozione chiave di quel virus il corpo biologico forma degli scarti chiamati virus, nel tentativo di manifestare quello che stai vivendo interiormente come anima? E quindi un virus arriva in risposta a ciò che già vive nell’animo? Quindi la chiave che apre le porte ai vari tipi di covid potrebbe essere un emozione bassa come una profonda tristezza, oppure un odio feroce, associato ad una grande paura? Ovviamente è solo fantasia.

È però interessante notare come in alcune discipline (ce ne sono diverse) che usano gli aspetti eterici dei colori e della luce, l’ultravioletto venga utilizzato come forma di purificante mentale, cioè per deprogrammare forme pensiero, legami distorti creati dalla mente, ossessioni. Questo almeno a detta di chi pratica tali discipline. E che l’effetto eterico dell’ultravioletto sia come accennato in altri articoli di portare verso le dimensioni celesti alte il campo eterico complessivo di ciò su cui viene proiettata la forza eterica ultravioletta. In Ricalibrazione Planetaria usiamo la forza eterica di Urano per tale scopo, perché a nostro avviso ha una portante maggiore, ma questa è un altra storia.

Ed è curioso scoprire poi che esistono in commercio lampade a raggi ultravioletti, settate con la giusta frequenza appositamente studiate per disinfettare e sterilizzare. Ad esempio le potete trovare dal barbiere, è quella scatola con la luce violetta dove il barbiere conserva le forbici. Ma ne esistono anche per la sterilizzazione dei letti e dei cibi. Ovviamente sono solo coincidenze che non contano nulla.

Giusto per capirci un batterio, ad esempio il batterio responsabile della peste nel medioevo è completamente differente da un virus in quanto è una cellula vivente. Un virus non è una cellula ma fisicamente un ammasso di filamenti di DNA, privi di vita in senso biologico. I batteri generalmente sono simbionti ovvero stanno in equilibrio nel corpo umano e ne aiutano le funzioni. Ad esempio senza batteri nell’intestino è impossibile digerire il cibo. Le chiavi per cui un batterio entra in squilibrio e quindi la nostra responsabilità personale di come poter accogliere questa situazione per crescere e migliorarci come esseri umani, sono diverse da quelle che aprono le porte ad un virus.

Nel caso dei virus andrebbe chiesto a se stessi “cosa in me ha risuonato di altre persone, per cui mi sono aperto ai loro drammi e me ne sono fatto carico?”.

Con i batteri invece andrebbe chiesto a se stessi “cosa in me sta reagendo a ciò che vivo esteriormente, ma che ha la sua ultima origine solo in me stesso e nella storia della famiglia in cui sono nato?”.

Ovviamente riflettere sul perché di una malattia non sostituisce il curarsi, semmai lo integra. Dicendola in modo fantasioso, il virus ti porta a riflettere su quanto di te hai ceduto al mondo, su quanto hai delegato ad altri autorità sulla tua vita, su quanto hai ceduto a paure e schemi mentali collettivi e quindi sul tornare te stesso. Il batterio ti porta a riflettere invece su chi sei veramente e coltivare silenzio interiore.

Ora facciamo un altra ipotesi fantasiosa e sul covid, e se fosse artificiale? Vediamo, se si osservava con la percezione eterica manuale il covid del 2019 si poteva rilevare la sua impronta eterica, il suo archetipo. In parole semplici possiamo dire che ogni cosa ha una sua “firma eterica”, unica e riconoscibile. Certo è strano come la firma eterica della cosiddetta variante Delta sia molto diversa da quella del 2019, ma è possibile che sia qualcosa di completamente nuovo? No, perché ci sono delle similitudini, almeno un 30% di risonanza con la versione del 2019. Se però poi si osserva la firma eterica della omicron ecco che questa, sommo stupore, è totalmente diversa dalle versioni precedenti al punto da avere quasi nessuna similitudine eterica. Ma come è possibile? Ovviamente ho preso un abbaglio e lo ripeto sono tutte fantasie. Ovviamente si sbaglia anche chi sostiene che la omicron del 2022 sia stata creata ex novo in laboratorio e rilasciata apposta, ma via come si può credere a queste storie!?

Veniamo ora ai vaccini, e ovviamente saranno ancora solo fantasie. Come abbiamo fatto in precedenza possiamo osservare la firma eterica di un vaccino, tuttavia va fatta prima una riflessione, ovvero quanti vaccini esistono? E quante versioni dello stesso vaccino? E che cosa stiamo osservando, un prodotto fisico oppure un idea?

Mi spiego meglio, per fare un test accurato (ovviamente ciò è solo fantasia) c’è bisogno di avere un idea precisa di cosa si vuole analizzare. In mancanza di un idea precisa vedremo solo il riflesso delle nostre proiezioni mentali, ovvero le nostre idee. Ad esempio se voglio analizzare il pane… mi siedo e richiamo fra le mani il campo eterico del pane? Ma di che pane sto parlando? Il pane del fornaio sotto casa è diverso da quello del supermercato ed è diverso da quello del panettiere biologico che usa lieviti selezionati e ingredienti locali. Quindi sarà necessario analizzare etericamente più tipi possibili di pane, e forse troveremo una traccia comune, ma ognuno sarà diverso.

Ora, se analizziamo etericamente un vaccino sarà sufficiente richiamare dall’universo la nostra idea di vaccino? Semplicemente richiameremo ciò su cui in quel momento siamo sintonizzati e quidi vedremo un riflesso dei nostri punti di vista inconsci. Ma cosa succede invece se osserviamo diversi vaccini e diversi lotti? Ecco che vedremo delle differenze.

Quindi farebbe una grossa differenza capire su cosa ti sintonizzi quanto osservi etericamente un vaccino. Potresti sintonizzarti su un lotto particolare che ti lascia inorridito per quello che contiene così come potrebbe capitarti di percepire che un altro lotto sia completamente innocuo, perché magari è un lotto di placebo che contiene praticamente solo acqua distillata. Del resto è così che si fanno le sperimentazioni, si distribuiscono varie versioni di un prodotto per farle provare e conoscere i risultati e gli effetti collaterali. Se così non fosse ci sarebbe alcun bisogno di firmare alcun consenso informato in cui ti assumi ogni responsabilità. Ma ripeto è tutta fantasia di complottisti.

Sugli effetti collaterali c’è poi chi sostiene come questi preparati conducano alla morte e c’è chi sostiene l’esatto opposto, ovvero che chi non li prende muore. Posizione molto religiosa, ma tanto siamo già in tema di fantasie per cui una più o una meno fa poca differenza nel caos che si è creato, poco importa che il sottoscritto si dissoci da entrambi i punti di vista.

Alcuni sostengono persino che a causare la maggior parte degli effetti collaterali, sia una sostanza chiamata ossido di grafene. Una sostanza altamente conduttiva e magnetica. In pratica una sostanza che se esposta a campi elettromagnetici come il 5G reagirebbe facendo da cassa di risonanza. E qui i complottisti hanno fatto girare un sacco di video, fra persone a cui rimangono attaccati oggetti di metallo al braccio (nota personale: ma no via, è impossibile e il fatto che sia successo anche ad un mio amico è solo indice del fatto che abbiamo io lui e sua moglie avuto un allucinazione), persone che amplificano il segnale dei cellulari, strani codici che compaiono sui vecchi modelli di bluetooth, ecc.. Tutta fantasia ovviamente, no!?

Invece osservando etericamente alcuni vaccinati la cosa che colpisce è che si possa notare un sovraccarico di etere dissonante irritato dall’elettromagnetismo. Che strano, eppure sebbene i campi elettromagnetici siano aumentati a dismisura negli ultimi 20 anni questi effetti non si erano ancora visti. Chissà magari tanti effetti infiammatori come i fuochi di sant’Antonio ecc.. sono dovuti a lotti che contengono parecchio ossido di grafene!?

Secondo alcuni se ciò fosse vero (se), sarebbe poi impossibile togliersi il grafene dal corpo e si sarebbe spacciati. Secondo me invece si sbagliano, il grafene ha una sua firma eterica, che quando impari a riconoscerla puoi anche notare come nelle persone medie dopo due o tre mesi comincia a ridursi da solo. Se poi uno ci lavora apposta con erboristeria, palestra e un po’ di pratiche eteriche per “insegnare al corpo a riconoscere ed espellere il grafene”, quello che osservo è che la firma eterica, la frequenza eterica del grafene scompare in circa un mese.

C’è poi chi sostiene come i vaccinati rigettino i lavori fatti con le tecniche del settore eterico, e che quindi sia impossibile aiutarli. Secondo me anche in questo caso c’è un errore di valutazione alla base. È vero che alcuni ma non tutti i vaccinati (che dipenda dal lotto?) sembrano fare resistenza come se il loro campo eterico prendesse al rallentatore i lavori eterici. Ma è anche vero che è possibile “sbloccare” questo effetto.

Che sia un effetto dell’eccesso di etere irritato da elettromagnetismo?
Oppure che sia un effetto della modifica dell’RNA?

Alcuni di questi vaccini sono in effetti in realtà terapie generiche sperimentali, che modificano non tanto il DNA ma l’RNA.

Se il DNA è l’essenza, l’RNA è il trasmettitore che conduce l’informazione con cui vengono sintetizzate nel corpo le proteine.

Queste terapie non modificano il DNA, la cosa l’avevo già osservata e spiegata a suo tempo, ma l’RNA. È possibile che l’effetto che si nota in alcune persone di disconnessione mentale, di “gli parli ma non ti ascolta e ti ripete la stessa cosa per più volte perché sembra non percepire la risposta” sia dovuta a questo?

Cambiare l’RNA e mantenere il DNA inalterato è forse un po’ come se una persona pensasse di dire “cane” ma la sua voce dicesse “gatto”!? L’essenza rimane invariata, ma il messaggio trasmesso non è quello che viene dall’essenza, dal DNA, ma da un RNA artificiale?

E basta questo a spiegare la resistenza eterica, la difficoltà che si fa a lavorare etericamente su alcune di queste persone, specialmente da quelle che hanno ricevuto alcuni lotti più sperimentali di altri?

E quindi è un terno al lotto? Dipende tutto da quale lotto di sperimentazione ricevi?

Ovviamente è tutta fantasia, quindi non stupitevi se, fantasia per fantasia posso permettervi di dire che i fantasiosi effetti collaterali sono lavorabili. E che prima di ogni cosa sostengo la libertà di scelta.

Cosa si potrebbe fantasiosamente fare quindi? C’è chi sostiene questo o quell’integratore, io invece sostengo un altro punto di vista. Prima ricorda chi sei, poi conosci il tuo potere creatore la tua Forza d’Anima. Poi demolisci alcune idee o meglio forme pensiero collettive che hanno radici nell’essere umano e lo condizionano e fai esperienza della natura della mente in modo da vedere liberamente ogni cosa per quello che è – senza filtri. E oltrepassare gli inganni e le manipolazioni che fanno leva sulle paure che coltivi e sul senso di dover delegare ad un maestro o ad un autorità la tua salvezza o la tua felicità.

Quindi ascoltati e scegli la direzione da intraprendere nel mondo. Non c’è una direzione giusta o sbagliata. Segui solo la tua verità interiore, non la mia, non quella del politico di turno, non quella di altri individui, solo la tua.

E poi di fantasia in fantasia potresti sperimentare – se sai gestire le forze eteriche e hai già pratica – un campo campo informativo appositamente creato per aiutare coloro che sono stati contro la loro libera scelta costretti a divenire cavie. Per farlo richiama su di te (Omnia Depur F-Aurea) portandoti in stato meditativo e richiamando il comando che attiva il campo informativo. Questo richiama una struttura fatta di forze eteriche che hanno lo scopo di assisterti a rilasciare eventuale spazzatura eterica, che è associata alla sperimentazione genetica forzata (oltre che di altre simili spazzature che potresti aver ricevuto nel passato). Come noterai sembra delicato ma attiva dei processi profondi di rilascio su più piani multidimensionali, mind, body and soul, lasciandoti con la mente libera e meno “catene” eteriche. Questo è strutturato (almeno ci proviamo) per operare sul grafene, sulle frequenze wifi che vanno in risonanza col grafene, e sulla frequenza eterica della robaccia in se stessa, è dotato di una funzione di scansione che cerca in automatico e ti aiuta. Se ti manda troppo in rilascio regolalo, usa quello che sai per radicarti meglio e non farti trascinare da emozioni e pensieri. Rimani in centratura e osserva quello che il campo ti aiuta a rilasciare.

Ribadisco, fallo se sei un operatore e non spararlo a destra e manca, lascia la responsabilità e l’insegnamento che viene dalle proprie scelte a ciascuno. Andrebbe utilizzato richiamandolo più volte in più giorni, in accoppiata con un bel protocollo depurativo fatto apposta da un naturopata o un erborista per eliminare tossine e scorie varie, che comprenda dei prodotti per pulire il sangue e aiutare le vie urinarie a drenare il tutto. Chiaramente chiedere ad un erborista o un naturopata quali piante officinali e in quali dosi prendere per buttar fuori un po’ di tossine non è fantasia ma realtà e fa parte del loro mestiere, così come il mio è occuparmi di crescita dell’essere umano in termini di Ispirazione e multidimensionalità, di meditazione, di viaggi astrali, di filosofia orientale, ed equilibrio delle risorse vitali finalizzato al benessere.

(Omnia Depur F-Aurea)

Quest’immagine ancora lo stesso campo informativo (Omnia Depur F-Aurea) usala per percepirlo e sperimentarlo come alternativa al richiamarlo in meditazione. L’immagine funziona finchè rimane fedele all’originale, se ne alteri un dettaglio il campo si scollega da essa e smette di funzionare. Nel caso in cui vuoi stamparlo fai una stampa più possibile vicina all’originale.

Siccome lo stiamo usando da mesi, e l’abbiamo già aggiornato e migliorato più volte, una persona ci ha lasciato un feedback fantasioso come tutto il resto che vi voglio condividere. Questa persona ha notato come richiamando l'(Omnia Depur F-Aurea) ha potuto percepire con la “vista eterica” una struttura quadrata circondata da aghetti luminosi uscire dal corpo. Ovviamente è fantasia la sua, fantasia la nostra e fantasia quella di chi sostiene che esistano nanochip trasmessi con preparati sperimentali legati al grafene. Figuriamoci che c’è persino chi crede che a notte fonda il wifi serva a trasmettere frequenze elettromagnetiche che creano “virus omeopatici” collegandosi al grafene, cioè frequenze elettromagnetiche di virus che poi dicono al corpo di creare quella data cosa. Tutte fake chiaramente.

Fermiamoci quindi qui con le fantasie e facciamo invece due riflessioni concrete su cosa la gestione pandemica sta portando nelle coscienze.

Da un lato non mi stancherò mai di dirlo c’è la paura. E la lezione è superare la paura scoprendo chi sei realmente. È la lezione di Ercole che entra nella caverna del leone nemeo, si quel leone che nessuno poteva ferire in alcun modo. Ci vuole coraggio alle volte nel guardarsi dentro. Ma la ricompensa è grande, secondo il mito la pelle del leone rese Ercole invulnerabile. Vuol dire che affrontando le tue peggiori paure apri la porta per realizzare te stesso, la tua strada nella vita. Quella sana, quella che ti fa provare un profondo senso di realizzazione, che il vivere la vita scelta da altri per te non potrà mai darti.

Dall’altro lato ridicolizza la paura, usa l’umorismo che è capace di “vampirizzare” ogni paura. Se riesci a ridere di qualcosa ridicolizzandolo ti diventa difficile l’averne paura.

Perché se vivi in questo tempo e hai una certa sensibilità noterai che molti conti non tornano. Potresti dare credito a chi parla di alieni che rubano le anime, esperimenti militari capaci di alterare il clima, maghi neri, ecc… Ma se le riesci a ridicolizzarli e non crederci fino in fondo coltivi l’unico strumento che ti serve: La forza interiore, la forza del cuore di procedere nel tuo percorso. Parlare ossessivamente di complotti non è detto che ti aiuti a venirne fuori, semmai troppo spesso finisci per dare loro potere, sia alle tue forme pensiero che a questi fantomatici maghi neri che governano il mondo. I quali lasciatemelo dire “con cognizione di causa” hanno ben poco potere occulto che gli rimane, sono alla frutta e giocano con le credenze, non con le energie, quelle gli si sono chiuse da molto tempo ormai. E a parte pochi di loro la maggior parte che è ancora viva non ha alcun potere esoterico reale o l’ha perso strada facendo.

Poi ci sono le reazioni di lotta e fuga, l’odio, la rabbia, l’ira, la tristezza e altre emozioni. Che sono perfette occasioni per sciogliere i legami distorti, le cicatrici, le forme pensiero dissonanti (o ossessionanti) che noi stessi abbiamo contribuito in altre vite a creare.

Si, mi chiedo quanti di noi che viviamo con sdegno quello che succede da parte delle istituzioni siamo stati nei ranghi dell’inquisizione, quanti di noi hanno torturato e messo a morte chi la pensava diversamente in altre vite, in nome della fede. Dicendo che bisognava ascoltare una sola opinione, un solo Dio, e che c’era un solo modo di leggere i testi sacri. E quanti invece che oggi sono al potere e compiono scelte discutibili, creando capri espiatori e colpevoli, siano invece coloro che in altre vite sono stati messi al rogo – ma che da quelle esperienze hanno appreso solo a odiare chi gli è diverso, e infliggere le stesse pene che loro stessi avevano subito.

Quanto le anime dette antiche hanno il coraggio di accettare e valutare onestamente gli errori di altre vite, di permettersi di vederli? Ora questi eventi ci spingono a guardaci dentro e a fondo, rimettere in gioco certezze, credenze e prendere un altra direzione. Questo è un punto chiave di tutta la vicenda, quanti hanno compreso o stanno comprendendo di aver errato e vivono una censura interiore, un rifiuto di ammettere di essersi sbagliati? Un chiudere gli occhi di fronte agli effetti collaterali, un far cadere un velo di censura dei propri stessi dubbi, che finisce per alimentare solo reazioni di rabbia anche violenta.

Quindi qui vi dico, sciogliete dalle catene dell’odio e della vendetta i carnefici di oggi, perché quelle catene sono vostre e li riporteranno a voi un domani. Liberatevi, liberateli e andate per la vostra strada che non finisce in questo dramma di oggi, ne in quello di domani, ma vi si chiede di partecipare a cose ben più grandi. E liberatevi dalla paura di ammettere un errore, non finisce il mondo e voi non finite, semmai rinascete più forti. Ciò che muore in voi è solo il vecchio Ego, ovvero la vecchia resistenza al cambiamento, i vecchi piloti automatici, che cadono nel momento in cui accettate di poter esservi sbagliati.

Concludo con un osservazione. Di recente una collega parlando della situazione italiana (Gennaio 2022) l’ha paragonata ad un tumore. Dicendo, “si, è come un tumore, c’è un governo tumorale che è qui per svolgere una funzione. Più lo si combatte e più peggiora. Sarebbe necessario che le altre cellule comprendessero la funzione di quel tumore e quindi cambiassero radicalmente la propria vita, perché se è venuto, dietro c’è una funzione sana, c’è il mostrarci che c’è un altro modo di vivere. A quel punto il governo tumorale smetterebbe di esistere, perché perderebbe la sua fonte di alimentazione, al massimo si incistirebbe fino a ridursi”.

E un altra considerazione stavolta fantastorica si può fare, è possibile che in futuro l’umanità arriverà a modificare effettivamente il DNA con un farmaco? E che si formino in futuro due umanità, una con DNA alterato e una potremmo dire “pura”. E’ possibile che questo sia solo un eco di eventi già avvenuti in un remoto passato? In cui un umanità proveniente da altri mondi si è mescolata con un umanità del Pianeta Terra lasciando tracce di ciò nella genetica, nel DNA?

Qualunque siano le risposte, purtroppo a volte per una fetta di umanità vale ancora il detto “per aspera ad astra”, ovvero attraverso le avversità raggiungiamo le stelle.


Informazioni su Manlio Di Donato

Manlio è un Operatore Olistico (libera professione ai sensi della Legge 14.1.2013 n. 4) Fondatore del metodo di Ricalibrazione Planetaria ®. Ha studiato Shiatsu, Thetahealing ®, Tecnica Energo Vibrazionale ®, Mindfulness, Antroposofia.