Il sano dubbio


Non perderti in ragionamenti mentali e logiche spirituali su ciò che leggi divine dicono, su ciò che i maestri dicono, su ciò che il tuo guru dice, su ciò che i libri dicono, su ciò che le religioni dicono.

Coltiva il sano dubbio che ogni cosa sia illusoria.

Coltiva il sano dubbio che esista nulla di cui avere paura.

Coltiva il sano dubbio che le tradizioni siano state riportate in modo errato o che non siano più adatte oggi.

Coltiva il sano dubbio che tutto serva e che tutto non serva.

Alcune esperienze sono solo deviazioni del percorso. La verità è che spesso siamo schiavi delle reazioni agli eventi – e quindi siamo facilmente manipolabili.

Facciamo un esperimento.

Immagina una carota. Quindi immagina una mela.

Ora NON immaginare una carota. NON immaginare una carota. NON immaginare una carota.

Chiudi gli occhi, a cosa stai pensando?

Ecco che quasi tutti pensano ad una carota e la mela nessuno la immagina. Il non viene ignorato dall’inconscio per cui è come se ti avessi rinforzato l’idea di immaginare la carota.

Siamo facilmente manipolabili, lo siamo anzitutto da noi stessi dei quali seguiamo le passioni (i titani) ciecamente, mossi da desideri e paure superficiali. Quindi delle molte esperienze che viviamo tante sono del tutto superflue, svolgono nessuna funzione interiore o esteriore che fosse anche semplicemente il darci piacere.

Dai potere al dubbio, permettiti il lusso di dubitare dei pensieri che si formano nella mente, permettiti di dubitare delle reazioni emozionali e del “sentire di coscienza” che provi, dubita di ciò che canalizzi! Sostituisci la fede al dubbio e dal dubbio fai nascere l’anelito, la spinta ignea al comprendere meglio ciò che percepisci, ciò che pensi, ciò che canalizzi. La spinta di fuoco ardente al comprendere se le cose sono davvero così come le canalizzi oppure se c’è dell’altro, se per te si aprono altre porte e quelle che ti arrivano sono solo le visioni che ora sei in grado di comprendere, ma c’è molto, molto altro. Questo è il sano dubbio motore della crescita interiore che ti spinge a conoscere la Divinità che giace addormentata nel tuo COR.

C’è una sola strada per la realizzazione interiore e questa è stretta. Puoi percorrerla con qualunque calzare, con qualunque mezzo. Ma quando esci dal sentiero è solo tempo perso.

Scegli con cura quindi le tue esperienze, chiedi che siano sempre in consonanza con il Divino e con gli Dei in Te, null’altro.

–Tratto e adattato dalla dispensa del seminario Fase 3 di Ricalibrazione Planetaria®.

 


Informazioni su Manlio Di Donato

Manlio è un Operatore Olistico (libera professione ai sensi della Legge 14.1.2013 n. 4) Fondatore del metodo di Ricalibrazione Planetaria ®. Ha studiato Shiatsu, Thetahealing ®, Tecnica Energo Vibrazionale ®, Mindfulness, Antroposofia.