La Terra sferica (o quasi): Il punto di vista di un viaggiatore extracorporeo


L’argomento terrapiatta, ovvero se la Terra sia tonda o se sia piatta, sta facendo discutere molto, ed è uno dei punti che vengono usati per attaccare tutto ciò che come le energie sottili non rientra nel modello scientifico attualmente considerato valido dalla cultura attuale. In questo articolo voglio condividere con voi alcune riflessioni ed esperimenti, e sopratutto farlo con chi è convinto che le energie sottili e cose fantasiose come i viaggi extracorporei siano appunto mere fantasie.

Per prima cosa siccome parto in buona fede (sul serio) voglio voglio testare prima usando la percezione manuale delle energie sottili il campo di coscienza della “terrapiatta”, anche paragonandolo a quello di altri paradigmi come la “teoria della relatività”. Poi parleremo di come viene percepito il campo energetico Terrestre durante i corsi di Ricalibrazione Planetaria, un esperienza condivisibile da molti. E alla fine parleremo di come vedo la Terra quando in proiezione extracorporea viaggio fuori dal pianeta.

Le basi per chi comincia a seguirmi da poco in modo da capire di cosa parlo sono:

La percezione manuale delle energie sottili è un abilità che può essere allenata, e che ci permette di condurre delle osservazioni fissando dei parametri precisi e osservandoli usando la sensibilità delle mani per misurarli su scale di valori. In parole semplici possiamo percepire le energie sottili associate ai campi di coscienza e misurarne diversi valori per comprenderne la natura. L’argomento è approfondito nel video “Percezione manuale delle energie sottili”.

Per campo di coscienza intendo un campo energetico che è creato dalla somma dei pensieri consci e inconsci nel corso degli anni, esso quindi riflette in modo limpido il suo contenuto, la sua natura. Diventa facile pertanto distinguere un campo di coscienza creato con fini poco puliti da uno “limpido e luminoso”. Ne parlo in vari articoli fra cui il video “Campo Akashico”, e “Testare il campo energetico di una nazione”.

Le energie sottili sono meglio descritte nella serie di articoli “energie sottili per i principianti”. Parte 1, introduzione. Parte 2, parametri per l’osservazione. Parte 3, modalità. Parte 4, attributi dimensionali. Parte 5, famiglie di energie sottili. Parte 6, conclusioni.

La proiezione extracorporea o esperienza OBE (Out of body Experience) è una pratica che descrivo in “esperienze di viaggio extracorporeo” e articoli seguenti.

Analisi sottile dei campi di coscienza

Se prendo fra le mani il campo di coscienza “terrapiatta” mi sento male, ci sento tutta la rabbia, la frustrazione provata dalle persone che sostengono questa teoria per come vengono trattati. È una sensazione di pancia molto spiacevole. Ma è solo il segno che il campo è sovraccarico perché le persone che vi sono connesse non se la passano bene.

Se vado in più la del campo di coscienza attuale riesco a percepire l’egregora della terrapiatta, molto più antica del campo di coscienza attuale. Egregora è un termine antico per definire un campo di coscienza, che si è consolidato nel corso dei millenni. Un egregora alimentata da milioni di persone ottiene un “peso” nella coscienza notevole e fa da “trasmittente” per le idee che la riguardano alle persone che vi entrano in sintonia.

L’egregora primigenia terrapiatta (ovvero l’idea arcaica della terrapiatta, possiamo definirla il suo seme originario) appartiene ad altre epoche, la sua energia complessiva sembra luminosa e leggera, appartiene a dimensioni alte non terrene e può apparire come bella, ma se ci immergo le mani e verifico la presenza di energie dissonanti tutta quella luce svanisce rapidamente e ci sento dietro una rete di condizionamenti (sigilli) operati anche con la violenza piuttosto pesanti. Nulla di nuovo all’orizzonte, tutte le idee, per quanto buone quando vengono propagate con la violenza e il dolore finiscono così prima o poi. Tuttavia mi chiedo se alcune persone percepiscano questa idea come qualcosa di “ispirante” di “bello” senza notare poi la massa di condizionamenti che vi sono appena sotto la superficie.

Se ad esempio per fare un paragone prendo l’egregora primigenia, il seme originario della “Teoria della relatività” questa sembra perderne al confronto. Ha una massa complessiva minore, perché è alimentata solo da pochi decenni, ma è poco dissonante. Ha si delle dissonanze ma danno al sensazione di qualcosa che non si vuole “muovere” o che fa fatica ad aggiornarsi. Non vi rilevo invece condizionamenti.

Se poi prendo a paragone l’egregora della “Terra-tonda” ecco che l’energia complessiva è priva di quei condizionamenti che vi trovo nell’egregora della terrapiatta. La sua energia appare come placida, lenta e complessivamente equilibrata.

Postilla: Cosa intendo per condizionamento? Un condizionamento è per me la traccia che una violenza ripetuta nel tempo ha lasciato nel campo energetico fino a creare un comportamento inconscio automatico. Queste dissonanze della coscienza possono essere percepite come strutture artificiali nel corpo sottile, e talvolta vengono scambiate per entità parassitiche.

Un abitudine invece è un modo di vedere le cose che deriva dalla ripetizione, e non da un atto di violenza.

Associo al concetto di condizionamento quello di violenza perché non è la semplice abitudine a creare quelle che percepisco come strutture artificiali distorte nel corpo sottile, ma un vero e proprio atto di violenza mentale e di repressione della psiche altrui. Queste strutture hanno una natura distorta, marcia, fastidiosa, tendono a sottrarre energia e quando vengono dissolte la persona recupera grandi quantità della sua energia.

Ecco che non rilevo la presenza di egregore condizionanti o condizionamenti messi in atto con la violenza nei secoli ancorati nell’inconscio relativi alla Terra-tonda. Semmai trovo l’opposto, condizionamenti associati al voler vedere la Terra come piatta. Cosa che i poteri forti come la chiesa durante il medioevo hanno fatto, da qui forse posso spiegarmi perché nell’egregora associata trovo dei condizionamenti. L’idea che siamo condizionati a vedere la Terra come tonda per me è quindi scorretta, possiamo invece essere abituati a farlo, ma non vi trovo violenze operate in tal senso.

La presenza dei condizionamenti mi fa venire un sospetto, allora faccio una semplice ricerca per capire da chi è venuta la moderna teoria della terrapiatta, e salta fuori una “Flat Earth Society”, e ne testo il campo di coscienza. L’asse celeste che ti permette di capire quanto un campo è “ispirato” ovvero connesso con le forze ispiratrici e creatrici della vita e della coscienza è estremamente ridotto e distorto. L’asse tellurico che indica la forza vitale del campo e che su una società ne indica diciamo la stabilità è ampio, molto ampio e stabile seppur sporchetto.

Se metto da parte la “Flat Earth Society” e testo la forma pensiero della terrapiatta nel pianeta terra escludendoli le cose cambiano un po’, l’Asse Celeste migliora, diventa più limpido segno che c’è chi ci crede col cuore e si sente ispirato da questa idea.

Tornando alla “Flat Earth Society” però quella stabilità nell’Asse Tellurico non mi convince e mi porta a chiedermi chi stia finanziando tutto questo, e perché, che cosa ne guadagna? Un asse tellurico stabile solo in quelle aziende o società che hanno ottimi introiti, che sono insomma stabili economicamente, perché se negli esseri umani l’Asse Tellurico è il canale da cui accogliamo il nutrimento vitale dalla Terra, nelle aziende il nutrimento diventa la capacità di sostenersi economicamente.

Se per fare un paragone testiamo un campo di coscienza come quello di una delle tante associazioni olistiche che si trovano in Italia, ecco che se chi ha fondato quella associazione vuole realmente il bene dei suoi associati ed evita di cadere in tranelli commerciali dove il guadagno e non l’aiuto diventa il fine ultimo, oppure dove si creano piccole sette.. ecco un associazione che evita queste cose mostra alla percezione manuale delle energie sottili un asse celeste ampio, potente, e limpido. Al contrario alcune grandi aziende di un “certo settore” che hanno il bilancio di piccoli stati sono totalmente prive di asse celeste, e manifestano un asse tellurico enorme e stabile. Come dire che sono prive di volontà di fare ricerca, di migliorare i prodotti che propongono, ma che sono molto brave nell’ottenere guadagni.

Esperienze durante i corsi di Ricalibrazione Planetaria

E’ una pratica normale durante i corsi di Ricalibrazione Planetaria richiamare e imparare a percepire in modo spontaneo il campo energetico sottile di ogni pianeta. Questo per il fine di imparare a richiamarli da se durante le pratiche, in quanto nella Ricalibrazione si insegna a gestire le energie sottili di ogni pianeta usandole per bonificare, ristrutturare, e potenziare le capacità del proprio corpo energetico nelle pratiche di meditazione.

Durante le esperienze di percezione delle energie planetarie faccio prima sentire le singole energie agli allievi, usando degli strumenti per proiettarne l’energia sottile, per far si che gli allievi si familiarizzino con queste energie senza pregiudizi. E solo dopo gli dico il nome pianeta di cui sto proiettando l’energia sottile. Ad esempio per molte persone Saturno è un pianeta negativo, per cui se dico loro “ora richiamiamo l’energia Saturno” si bloccano a causa della paura inconscia, e vivono un esperienza parziale. Quando invece proietto loro l’energia un pianeta che tutti percepiscono come “luminoso” si stupiscono molto quando gli dico che è l’energia di Saturno perché non vi trovano nulla di negativo!

Allo stesso modo durante i corsi quando viene proiettata l’energia Terra le sensazioni che vengono condivise dalla maggior parte delle persone nei vari corsi sono: senso di concentrazione, senso di pesantezza, senso di freschezza, senso di concentrare tutto in un unico punto. Molti percepiscono il campo che gli viene proiettato come una sfera e sentono se stessi dentro una sfera fresca e pesante quando fanno l’esperienza di percezione dell’energia Terra. Ma sopratutto nella maggior parte dei casi l’energia Terra lascia una sensazione di profonda e piena centratura, come essere il punto centrale di un grande campo energetico che si espande a 360° in ogni direzione.

Esperienze di viaggio extracorporeo

Da tempo non trovando il pianeta Terra particolarmente interessante ho spostato le mie esplorazioni extracorporee nei pianeti del sistema solare. Nel fare questo mi preparo portandomi al limite dell’atmosfera terrestre e da li focalizzo una destinazione.

In quei momenti vedo la Terra dallo spazio e sebbene non sia perfettamente tonda, la vedo comunque come un globo bitorzoluto e un po’ schiacciato ai poli. L’effetto della linea d’ombra della notte che avanza è molto suggestivo, sembra quasi che la Terra venga dissolta nel buio per venire ricreata costantemente dalla luce istante per istante. Tuttavia se allargo il campo d’osservazione vedo una palla più o meno tonda.

Obiezione: Te lo stai immaginando, oppure se è reale quello che racconti sei influenzato e condizionato inconsciamente al punto da vedere una sfera dove invece la Terra è piatta.

Risposta: Sui condizionamenti ho già risposto in precedenza, sul fatto che vedo la Terra tonda perché è una proiezione del mio inconscio che la vede tonda, si è una possibilità. Sono abituato a mettere in dubbio sempre quello che vedo e percepisco quando sono in proiezione extracorporea e proprio per questo eseguo dei test prima e dopo ogni esperienza, in modo da capire se mi sono lasciato influenzare dalla fantasia o se ero sufficientemente limpido da vedere con meno filtri possibile.

I test poi spesso li facciamo fra colleghi, capita che ad esempio chieda ad altri operatori ed operatrici di farmi delle verifiche, senza dire prima i risultati ottenuti ma solo dicendo quale “parametro” testare, in questo modo ottengo delle risposte il meno possibile condizionate. Ad esempio si può verificare il campo energetico di alcuni organi e centraline del corpo energetico per capire con molta accuratezza se chi “canalizza” o parla di energie, di spiritualità, stia inventandosi tutto, parlando a sproposito, dando voce a proiezioni inconsce, parlando di cose dette da altri e non di sue idee o esperienze, o se invece sta parlando di esperienze che per lui sono reali, ma magari le sta filtrando parecchio.

Ci sono semmai alte cose di cui do ragione ai complottisti, ma non su questa. Ad esempio quella volta che ho voluto visitare la Luna, per focalizzare una destinazione precisa e non perdermi ho chiesto di venire portato nel luogo sulla Luna dove erano atterrati i primi astronauti. In quell’istante sono stato proiettato rapidamente sugli Stati Uniti, in un punto in basso a destra al confine fra tre stati. Non vi so dire altro perché sono semplicemente scoppiato a ridere interrompendo l’esperienza. E in seguito non ho più approfondito perché per me la cosa suscita zero interesse. Gli Stati Uniti in quell’epoca avevano bisogno di vincere la guerra fredda ideologica, non posso dargli torto. Parlo però solo della prima missione e non delle successive che invece sono reali, almeno credo. Ovviamente anche in questo caso potrei essermi fatto influenzare da un idea inconscia.

Domanda: Perché invece non approfondisci, magari in un altra esperienza?

Risposta: Sapere se la terra è tonda, piatta, cava, sapere se sulla Luna ci siamo stati o meno, ecc.. (mettici in mezzo tutti i “misteri” di questo mondo) mi aiuta a conoscermi meglio? Aiuta me o altri a superare paure, a conquistare Coraggio, a dissolvere l’odio, a migliorare la qualità della vita? No. Quindi per me la cosa ha zero interesse, questo articolo nato dalla curiosità e scritto come riflessione, è tutta l’energia che intendo impegnare su queste o altre tematiche simili.

Un esperimento fatto con ingenuità e spirito di ricerca: L’Axis Mundi

Un ultima curiosità di carattere pratico riguarda un esperimento che facemmo con il gruppo di ricerca delle energie sottili ancora parecchi anni fa. All’epoca sentii dire che il cuore umano non si troverebbe a sinistra nel corpo ma al centro esatto, e sarebbe inclinato a sinistra, di conseguenza la parte verso l’alto sarebbe schiacciata e la parte verso il basso più pronunciata dando l’impressione che il cuore si trovi a sinistra. La cosa è reale. La stessa persona suggerì che l’inclinazione del cuore sia la stessa identica inclinazione dell’asse terrestre.

Ora la cosa suscitò un certo interesse, si perché mi chiedi se nel caso di un cambiamento dell’inclinazione dell’asse terrestre il cuore umano come si sarebbe comportato.

Mi chiesi sopratutto se ci fosse una relazione sottile, di energia sottile di risonanza sottile fra l’inclinazione del cuore e l’inclinazione dell’asse terrestre.

E se questa risonanza di inclinazione poteva cambiare cosa sarebbe successo?

Così facemmo molti test sperimentando con la percezione manuale delle energie sottili – ripeto nella più totale ingenuità. Se ci fossimo sbagliati semplicemente non avremmo trovato alcuna risonanza sottile. Eppure la risonanza fra inclinazione dell’asse terrestre e cuore c’è eccome! I nostri esperimenti ci mostrarono che se prendiamo come parametro “inclinazione dell’asse terrestre” e misuriamo la % di risonanza con il campo energetico sottile di un organo, meridiano, chakra, o altro questa è quasi sempre 100%.

Solo in alcuni casi notammo che la % di risonanza era minore, e in quei casi agimmo per sperimentare cosa sarebbe successo ripristinando la corretta % di risonanza. Il risultato fu quello di risvegliare le forze vitali rigeneratrici dell’Anima. La cosa si può percepire perché si attiva l’Asse Tellurico della persona, il quale diventa potente ed estremamente ampio, assorbendo forza vitale da Madre Terra. Si può proprio sentire come parte un avvio di processi di rigenerazione. NOTA → quanto ho appena detto è ancora poco per parlare di guarigioni, cosa per la quale in Italia vi rimando alla medicina ufficiale. Come affermo da tempo quello che possiamo fare è assistere con le energie sottili le risorse vitali, incrementandole e azzerando i fattori che le riducono.

Chiamammo per semplicità questo concetto”effetto Axis Mundi”, e col tempo lo estendemmo anche ai corpi celesti, quindi diventava possibile verificare se un campo energetico sottile era in risonanza sana con un corpo celeste o meno, e in caso lavorarci per ristabilire il corretto ordine sottile.

All’epoca non sapevamo nemmeno che ci fosse chi parlava di terrapiatta, eppure questa pratica di riequilibrio e incremento delle risorse vitali basata sull’Asse Terrestre – cosa che ha senso solo se parliamo di una sfera – funziona, tanto quanto funziona una pratica di respirazione come il pranayama, o una pratica di Qi Gong che tu ci creda o meno.

Conclusioni

Ora per una persona curiosa come me non posso che pormi la domanda “come mai il concetto di terrapiatta sta tornando alla ribalta?”. Era un idea del medioevo voluta dai poteri forti di allora, invece nel mondo pagano, nella cultura greca e romana si parlava di Terra come di un Orbe ovvero una sfera.

La stessa “Flat Earth Society” fino a un decennio fa stava svanendo, ed è solo di recente che è tornata alla ribalta, come mai? Da chi viene finanziata? Mi pongo queste domande perché se osservo gli effetti dell’idea “terrapiatta” noto solo che viene usata per ridicolizzare altre tematiche come anche quelle relative alle energie sottili, che invece non hanno mai conosciuto momenti di declino.

E se tutto questo tam tam mediatico sulla terrapiatta fosse stato creato apposta per screditare altre idee ben più fondate e sensate?

È quindi un altra “arma di distrazione di massa” come lo è stata l’idea della fine del mondo che fino al 2012 faceva parlare tanti sedicenti colleghi apparentemente preoccupati per il benessere del prossimo salvo poi sfruttare la paura collettiva per vendere libri e finanziare villaggi dove rifugiarsi?

Oppure c’è altro? Nell’era dell’informazione il miglior modo per uccidere la verità non è negarla, perché così facendo si creano martiri e miti impossibili da abbattere. Semmai la miglior strategia per uccidere la verità è quella di ridicolizzarla, per poi paragonarla ad altre idee insensate e far credere che siano tutte uguali, o persino insinuare l’idea che tale idea possa essere dannosa inserendo notizie in cui si parla di persone danneggiate dall’aver messo in pratica idee simili e lasciando credere così che l’idea che si vuole abbattere sia pericolosa. È una tattica ben nota, in passato ad esempio c’è stato chi aveva pubblicato libri di successo mondiale nel settore delle energie sottili, per poi pubblicare un libro carico di idee ridicole e teorie basate sul nulla, rapidamente smentite, e così facendo si ottenne di ridicolizzare i libri precedenti che invece riportavano molte informazioni che circolavano già da tempo e tutte reali.

Ai posteri l’ardua sentenza.

Manlio Di Donato.


Informazioni su Manlio Di Donato

Manlio è un Operatore Olistico di livello trainer e Insegnante nelle Discipline Olistiche (libera professione ai sensi della Legge 14.1.2013 n. 4) specializzato in Thetahealing ®, Tecnica Energo Vibrazionale ®, e Mindfulness. Fondatore del metodo di Ricalibrazione Planetaria ®.